Housing sociale: un investimento per il territorio

L’housing sociale è una realtà in espansione. I mesi autunnali si stanno rivelando ricchi di iniziative a riguardo: convegni, corsi di formazione, inaugurazione di nuove unità abitative su piccola e larga scala e grande fermento nella presentazione di nuovi progetti che vedono impegnati in sinergia enti municipali, attori privati, cooperative e onlus, nella costruzione di una nuova filosofia dell’abitare.

Il social housing nasce come elaborazione di una risposta complessa alle esigenze abitative che sempre più ci caratterizzano socialmente: una risposta che si vuole qualitativa e ri-qualificante per le persone e il territorio, in termini di spazi, materiali, capacità di integrazione e di aggregazione.

L’obiettivo dei progetti di housing sociale è mettere a disposizione abitazioni, in vendita o in affitto, a prezzi calmierati per una fascia “grigia” sempre più ampia di utenti: coloro che non hanno possibilità economiche sufficienti per partecipare al libero mercato immobiliare ma non possiedono i requisiti necessari per ottenere un alloggio popolare. Una doppia esclusione che si rivela un’empasse per migliaia di coppie e famiglie monoreddito e per molti anziani.

Ma l’housing sociale non è solo questo e interviene in favore di quella parte di popolazione cui l’accessibilità economica agli alloggi è condizionata dalle difficoltà di integrazione sociale: è il caso di molti stranieri, oppure persone provenienti dalla vita di strada, dalla realtà carceraria o diverse tipologie di comunità.

Oltre alle locazioni in vendita o in affitto, l’housing sociale prevede anche alloggi “temporanei”: alloggi a tipologia residence o pensionato, sempre a costi contenuti, in grado di ospitare studenti e lavoratori fuori sede,  persone in cura presso gli ospedali e famiglie di degenti, giovani a rischio segnalati dall’assistenza sociale.

Nella progettazione degli spazi abitativi “social”, la qualità intende essere un elemento portante che si realizza nella scelta dei materiali edili, nell’attenzione all’impatto ambientale, nella creazione di spazi di condivisione e aggregazione e di servizi socialmente utili (asili nido convenzionati, poli socio-sanitari, centri di ricreazione: un esempio attivo dal 2003 sul territorio milanese é il Villaggio Barona).

La riqualificazione delle aree e delle strutture pubbliche o private dismesse, invendute o parzialmente inutilizzate è spesso alla base dell’allestimento dei nuovi alloggi di social housing e favorisce la reintegrazione attiva nel tessuto urbano di grandi potenzialità in disuso.

Per impostazione e obiettivi il social housing rappresenta molto di più di un’erogazione di fondi a scopo benefico: si tratta di un investimento economico e sociale che mira ad una ricomposizione attiva del tessuto sociale cittadino e alla creazione di servizi e competenze adeguati in risposta alle esigenze del territorio.

Un esempio recente? Il villaggio Sharing, inaugurato a Torino all’inizio di ottobre. Un’area abitativa di 10 mila metri quadri, ricavata da ex edifici postali situati in periferia e suddivisa in 122 unità residenziale e 58 camere per ospitalità temporanea. Certo un esempio eclatante,  a cui si aggiungono la nascita e la progettazione di molte altre realtà di social housing, di minore entità ma di grande importanza strategica per il territorio cittadino.

Noto ai milanesi ad esempio, è il progetto per costruire alloggi-albergo a costo “social” per i malati di tumore e le loro famiglie in cura presso l’Istituto dei tumori: il bando di concorso si concluderà a novembre.

Vi segnaliamo inoltre la recente inaugurazione di un servizio di housing sociale realizzato dalla cooperativa La Cordata di Milano, in collaborazione con il comune di Cinisello Balsamo.

 

Il software InTempo, è lo strumento elaborato da Puntoit per supportare la gestione delle esperienze insediative di social housing. L’ampia collaborazione di Puntoit con la realtà del terzo settore, ha permesso di sviluppare le funzioni di InTempo in modo da soddisfarne le specifiche esigenze, ampliando, ad esempio, la sezione anagrafica degli ospiti e delle attività ad essi connesse

Articoli correlati:

 

Google Analytics real-time: l’attività del vostro sito analizzata in tempo reale

In risposta alla crescente velocità di Internet, in termini di cambiamenti e opportunità, questo nuovo servizio Google permette di monitorare in tempo reale i dati relativi al vostro sito web: report immediati (contro le 24  ore richieste dal tradizionale Google Analytics) che riguardano l’attività del sito, la risposta dell’utenza, l’influenza delle operazioni di web marketing e in particolare l’impatto della realtà dei social media sul traffico generato dal vostro sito. Quest’ultima funzione, permette infatti di verificare istantaneamente l’accesso da parte di utenti “social” (ad es. Facebook o Twitter) ai singoli post pubblicati all’interno di un blog, visualizzare la punta massima di attività prodotta dalle vostre comunicazioni e individuare il momento di minimo fervore per far circolare nuovamente le vostre news.

Analytics Real Time rappresenta inoltre un utile strumento per monitorare correttamente l’avvio delle vostre campagne pubblicitarie ed effettuare test in tempo reale (ad esempio la validità delle key-words e dei tag proposti) in modo da implementare le possibilità commerciali della vostra attività.

 

Esempi di dettaglio delle informazioni riguardanti l’attività del vostro sito, rilevabili da Analytics Real Time:

–         numero di visitatori attivi sul sito (ripartiti in utenti nuovi/conosciuti)

–         trend delle page-views ottenuto parallelamente in base agli ultimi trenta minuti e all’ultimo minuto di traffico del vostro sito.

–         dieci pagine più visitate sul sito

–         dieci key-words maggiormente utilizzate dagli utenti per accedere al sito

–         informazioni sui dieci principali siti referral inerenti agli utenti

–         provenienza geografica dei visitatori (visualizzabile anche attraverso l’applicazione Google Earth)

–         contenuti più visualizzati sul sito (aggiornati sia in tempo reale che ogni trenta minuti)

–         dettaglio delle sorgenti di traffico relative agli utenti

Per accedere a Google Analytics Real Time è necessario essere amministratori dell’account. Il servizio sarà reso disponibile gradualmente nel corso di alcune settimane. E’ possibile effettuare richiesta compilando il form.

Google Adwords e SEO: una strategia combinata

 

In un recente articolo su LeJornalduNet , si discute di un tema importante per i professionisti dell’e-commerce che decidono di investire nelle campagne Google AdWords: la tentazione di ottimizzare il budget aziendale nel traffico a pagamento, trascurando i risultati naturali di posizionamento nel motore di ricerca.

Dissociare le due realtà del problema -la sponsorizzazione AdWords e il posizionamento naturale- o privilegiarne soltanto una parte, impoverisce nettamente le potenzialità commerciali del proprio sito, laddove la fusione intelligente di entrambi gli aspetti permette di concentrare un traffico di qualità più elevata e maggiori vendite.

 

L’analisi proposta, si basa su tre punti fondamentali:

1- Privilegiare gli investimenti verso le campagne sponsorizzate rappresenta un errore strategico.

Se da un lato le parole-chiave acquistate con Google AdWords ottengono generalmente migliori performance i termini di tassi di rebound e di conversione, è stato ugualmente dimostrato che l’89% del traffico generato dai links sponsorizzati non viene bilanciato dal traffico ottenuto attraverso i risultati naturali. Ciò significa che Google AdWords rappresenta un plus di traffico e di vendite per un sito già ben posizionato dal punto di vista SEO.

Riguardo all’ utenza infine, si rileva come la presenza di un sito in entrambe le realtà incrementi la fiducia del consumatore.

La soluzione ottimale per un e-commerce di successo risiede dunque in una strategia integrata SEO/Google AdWords attraverso investimenti combinati in modo equilibrato.

 

2 – Google AdWords rappresenta un’opportunità di test per realizzare valide opzioni SEO.

Con Google Adwords è possibile studiare e testare l’efficacia delle parole-chiave per orientare la scelta SEO in termini di maggiore profitto e ottimizzazione. Una possibilità preziosa per evitare errori che possono costare al proprio sito mesi di ri-posizionamento SEO.

Con l’aiuto di Google Webmaster Tool inoltre, è possibile misurare il tasso di clic per ciascuna parola-chiave.

Naturalmente l’attività di “test and learn”, funziona utilmente anche in senso opposto: posizionamento SEO verso Google AdWords.

 

3 – L’importanza della sinergia degli strumenti Google

– Il Quality Score di Google AdWords permette di calcolare il posizionamento del proprio sito e il costo per clic di una campagna, utilizzando come metro di misura la pertinenza del contenuto rispetto alle parole-chiave acquistate. Maggiore è la pertinenza, minore il costo per clic.

Investire nel contenuto è la soluzione più conveniente in entrambi i canali: dal punto di vista dei risultati naturali permette di perfezionare il proprio posizionamento e dal punto di vista AdWords consente di ottimizzare il proprio budget abbattendo i costi per clic.

– Le estensioni Google Maps e Google Shopping permettono di arricchire i propri annunci sponsorizzati di informazioni aggiuntive, in grado di incrementare fortemente il tasso di clic su Google AdWords e incidere sul Quality Score.

 

Google Analitics mette a disposizione strumenti avanzati per il monitoraggio e l’analisi delle conversioni multicanale, al fine di migliorare ulteriormente il coordinamento fra links sponsorizzati e risultati naturali.

In conclusione, privilegiare l’aspetto AdWords rispetto al posizionamento naturale di un sito è un errore pericoloso, un non-sense capace di precludere una parte sostanziale di traffico e di possibilità economiche: soltanto una tattica di Search Marketing Google integrata e ben equilibrata in entrambe le realtà può garantire il successo dell’e-commerce aziendale.

 

Iscrizione a Google plus è pubblica, facciamo punto.

E’ ormai sulla bocca di tutti: il social network di Google, Google +, è disponibile al grande pubblico: un lancio che ha preceduto l’F8 (Facebook Developer Conference) e le novità annunciate da Mark Zuckerberg.

Quali innovazioni in merito a Google+?

Soltanto pochi giorni fa, era necessario ricevere un invito mail per iscriversi al social Google +: oggi, tutti coloro che possiedono un account Google (ad esempio Gmail) possono attivare il proprio profilo cliccando il pulsante +TU, presente in alto a sinistra nella home page di Google,  inaugurato nei giorni scorsi dall’evidenza di una grande freccia azzurra.

Ecco alcuni rilasci già effettuati da Google in fase beta e alcuni in field trial, pronti per essere annunciati a breve.

 

Molte novità riguardano la funzione Hangouts o videoritrovi: le videochat dal vivo infatti, saranno disponibili sui telefoni cellulari, strumento privilegiato da coloro che partecipano ai social networks.

I videoritrovi supportano già i dispositivi Androids 2.3 e superiori, con foto e videocamere, e fra poco anche mobiles iPhone e altri.

 

I videoritrovi includono già la chat di gruppo e la fruizione di video provenienti da Youtube: a queste funzioni si aggiungeranno  novità quali:

condividere schermate con i contenuti desiderati (dalle foto personali al record ottenuto in un videogioco e in generale tutto ciò che può essere visualizzato in una schermata);

scrivere e pianificare insieme ad altri con l’utilizzo di Google Docs;

Sketchpad per schizzi e disegni personalizzati

videoritrovi con nome, per discutere pubblicamente e dal vivo con gli altri

– i  videoritrovi “in diretta” forniranno agli utenti la possibilità di registrare e trasmettere proprie sessioni: una volta in onda, altre nove persone possono partecipare attivamente alla trasmissione mentre tutti possono fungere da spettatori.

Un release dai risvolti economici potenzialmente straordinari per determinate categorie di business: gli spettacoli live, la formazione video, le trasmissioni radio di chat in diretta con invitati.

I videoritrovi rappresentano inoltre una scommessa in grado di favorire un salto di Google+  in gara con Twitter e LinkedIn.

 

Un’altra novità importante di Google+ è l’inaugurazione della funzione di ricerca: è sufficiente digitare i termini della propria ricerca perché Google+ restituisca i post e i profili più pertinenti, unitamente ai contenuti più popolari sul web.

A proposito di quest’ultima affermazione “contenuti più popolari sul web” alcuni giornalisti si chiedono se “più popolare” possa corrispondere di fatto ai contenuti più twittati, più “Like” di Facebook e cliccati come “+1” di Google… una domanda interessante, che favorisce una seconda riflessione: la ricerca Google+ potrà nel tempo sostituire effettivamente il motore di ricerca Google attuale, o comunque diventare lo strumento privilegiato di ricerca da parte coloro che fanno parte del mondo social? Un appunto da verificare nel tempo.

 

Nello specifico della funzione ricerca Google+, è possibile scegliere di visualizzare tali contenuti secondo una classifica dei “migliori risultati”. I contenuti pertinenti a coloro che fanno parte della propria cerchia, risulteranno ai vertici di tale classifica. Il principio +1 risulta perciò sempre prioritario.

E’ possibile inoltre ricercare i post secondo il criterio di maggiore attualità: la ricerca in tempo reale è una funzione prevista per il prossimo futuro.

Infine, la ricerca Google+ consente di registrare le ricerche importanti effettuate (mediante un apposito pulsante posto in alto a destra): tutti i link appartenenti alla lista possono naturalmente essere cliccati con +1.

 

I contenuti esaminati sono una parte delle nuove funzioni Google+: molte sono le novità e gli ampliamenti ancora in programma nel mondo social su cui Google dimostra di voler investire in modo sempre più massiccio e concorrenziale. Intanto dall’F8 di Facebook, arriva la risposta di Zuckerberg.

 

Google Grants: comunicazione sociale

Da anni Puntoit si occupa di fornire servizi studiati ad hoc per le cooperative sociali, organizzazioni Onlus, associazioni no profit. Conosciamo le esigenze specifiche, i problemi organizzativi, la mancanza, talvolta, di fondi sufficienti a facilitare il lavoro di questi organismi.

Per questi motivi, vi segnaliamo alcune iniziative sociali che Google ha ideato nell’ambito del programma “Google for nonprofits: una serie di agevolazioni legate al mondo web rivolte specificatamente alle organizzazioni senza scopo di lucro.

Google Grants rappresenta una parte della proposta Google for nonprofits: la concessione di un account pubblicitario online gratuito collegato al programma Google AdWords, specifico per le organizzazioni Onlus.

Come ottenere l’opportunità di pubblicizzare gratuitamente le attività della propria associazione, creando maggiore traffico sul proprio sito (dunque maggiore popolarità e possibilità di informazione mirata), favorendo il reclutamento di volontari o la raccolta di donazioni rivolte alla propria missione?

Google Grants è un premio al quale possono accedere soltanto le organizzazioni non governative idonee registrate presso l’apposita anagrafe unica delle Onlus, previa approvazione del Ministero delle Finanze. In linea generale, le organizzazioni no profit che operano nei campi dell’educazione, della salute, della scienza, dell’arte, della tecnologia e del volontariato.

Per verificare se la vostra associazione risponde ai requisiti necessari per partecipare al premio Google Grants, consultate le pagine Idoneità, Regolamento, Restrizioni del sito ufficiale   LINK

Per usufruire appieno delle possibilità di Google Grants, vi consigliamo di informarvi adeguatamente sul funzionamento del programma Google AdWords. Puntoit ha pubblicato un post informativo in questo blog

Riassumendo brevemente, possiamo presentare Google Adwords come un account pubblicitario autogestito: gli inserzionisti fissano un costo massimo per clic, che verrà loro addebitato ogni qualvolta un utente clicca sul loro annuncio. Anche il costo complessivo della campagna è fissato anticipatamente, nella certezza di spendere nel modo voluto e adeguato il budget destinato alla pubblicità del proprio sito.

Google Grants offre ai propri beneficiari un premio pubblicitario gratuito che può raggiungere il valore massimo di 10.000 dollari mensili da utilizzare nelle campagne AdWords. Importante: nessun importo (né complessivo né “per clic”) viene attribuito da Google all’organizzazione che usufruisce di tale gratifica: la cifra stabilita corrisponde unicamente al valore del premio messo a disposizione gratuitamente da Google Grants.

Ovviamente l’importo di 10.000 dollari annunciato da Google Grants rappresenta un massimale: l’entità del premio pubblicitario a cui ciascuna organizzazione può aspirare è estremamente variabile, sia come condizione di partenza che nella propria evoluzione, poiché dipende essenzialmente dal rendimento (cioè dal traffico) generato dai propri annunci.

La durata del premio ottenuto è potenzialmente continua: non esiste una data di conclusione prefissata, e non è necessario ripresentarne periodicamente richiesta.

L’opportunità di fruizione del premio è tuttavia correlata al rispetto delle  condizioni di gestione attiva del programma e delle norme che lo regolano: diversamente, Google Grants si riserva il diritto di revocare senza preavviso la partecipazione di un’organizzazione al programma per inidoneità, escludendola dalla possibilità di ripresentare domanda.

Se Google Grants rappresenta un’occasione per pubblicizzare in modo gratuito ed efficace la tua organizzazione no profit e la sua missione, puoi presentare richiesta per mezzo dell’apposito modulo onlineLINK

Ti consigliamo di approfondire queste informazioni consultando il sito ufficiale di Google Grants e Google Adwords, per verificare le condizioni di idoneità della tua richiesta e le restrizioni fissate dal programma.

Caso di successo proposto da Google.

Puntoit è disponibile per supportarti nella tua attività.

 

Google Panda update: in Italia

L’arrivo del nuovo update di Google Panda, previsto in estate per Google.it , desta sicuramente molta aspettativa e anche qualche preoccupazione.

Sul nuovo algoritmo di Google, attivato a febbraio sulla rete nord americana di Google e già soggetto ad ulteriori update ad aprile e maggio, con estensione a tutti i siti in lingua inglese, si possono reperire molte informazioni nel web.

Google Panda ha introdotto nuove variabili di indicizzazione dei siti all’interno del motore di ricerca Google: variabili che definiscono la qualità e il valore dei contenuti.

Una bassa qualità dei contenuti determina penalizzazioni che si sono rivelate fino a questo momento piuttosto dure e inaspettate.

La definizione del concetto di qualità dei contenuti rappresenta un punto critico focale e di assoluta importanza per comprendere e prevenire l’azione di Google Panda.

Il gruppo madri.com ha delineato con chiarezza la centralità della definizione qualitativa dei contenuti, spingendo la propria analisi alla comprensione dei meccanismi che sottendono all’algoritmo Panda e dei potenziali trends futuri di Google. Vi rimandiamo al loro sito per interessanti approfondimenti: www.madri.com e al Video molto esplicativo

Il problema della qualità dei contenuti, dopo una notevole inflessione registrata fino a tre anni fa, diventa con Google Panda il criterio principale per determinare il valore di un sito.

Cosa si intende per qualità dei contenuti?

Esiste una specie di vademecum in proposito, fornito da un responsabile del progetto Google, formulato in 23 domande che l’utente di un sito dovrebbe porsi per definirne la qualità.

Si tratta di un tentativo decisamente generico e del tutto soggettivo di fornire una risposta, che introduce una potenziale ambiguità: è possibile definire in modo semplicemente algoritmico il concetto di qualità?

Ad ogni modo, ecco alcune accortezze per elevare gli standard qualitativi dei contenuti del vostro sito nell’ottica Google Panda:

– produrre contenuti originali, non duplicati

– evitare pagine dai contenuti troppo brevi e ridondanti (eliminare o risistemare anche pagine indice eccessive o menu di navigazione con testi ridondanti)

– evitare la sovrabbondanza di tags all’interno delle pagine del sito (il tag excess viene già penalizzato da Google)

– attenzione a fattori di fruizione (rilevabili in appoggio a Google Analytics o Web Master Google), quali la velocità del sito, il numero di visite, il tempo di permanenza sul sito, il livello di “rimbalzo” (bounce rate) del visitatore…

– attenzione all’usabilità del sito (layout, disposizione dei contenuti…)

– evitare la sovra-ottimizzazione SEO (contenuto eccessivo di keywords, di links interni e anchor text, doorways…), già oggetto di penalizzazione da parte di Google

– attenzione alla pubblicità presente sul vostro sito. Google Panda può penalizzare i siti che presentino un’eccesiva quantità di annunci o il loro posizionamento preponderante rispetto ai contenuti. Anche la presenza di troppi links di affiliazione pubblicitaria non sono graditi.

Gli effetti delle penalizzazioni di Google Panda, sono stati, negli esempi in lingua inglese, molto duri.

Diversi siti con uno “storico” importante, molto trust e parecchio traffico a favore, sono stati colpiti inaspettatamente. Riemergere in modo competitivo nei motori di ricerca dopo un simile contraccolpo non è un percorso facile, e fino a questo momento nessun sito è stato in grado di recuperare la propria attività al 100%.

Prepararsi per prevenire gli effetti di Google Panda rappresenta una sfida importante: verificate l’assetto e i contenuti del vostro sito, eliminando, aggiungendo, operando modifiche opportune verso una maggiore qualità e fruibilità e… in bocca al lupo!

Altri approfondimenti a oggi:

Blog-Tagliaerbe

un  caso particolare e da studiare dal blog del forumGT

Google Engage – Coupon AdWords

Il programma AQUA di Google si trasforma in Google Enagage. Google Engage For Agencies

Lo strumento dedicato a tutte le realtà (agenzie e non solo) che utilizzano Adwords ( la piattaforma pubblicitaria di Google che permette la pubblicazione di annunci testuali, immagini e video sulle pagine dei risultati di ricerca e sui siti della rete di contenuti Google).

La piattaforma è gratuita ed è  ricca di suggerimenti e strumenti per aiutarti a gestire le tue campagne e gli account dei tuoi clienti.

Dandoti il benvenuto Google di “regala” 10 coupon AdWords personalizzati dal valore di 75 euro ciascuno, per far conoscere ai clienti dell’ Agenzia il marketing online con Adwords.

Oggi giornata di studio per capire le nuove opportunità e le differenze dal programma AQUA.

Bando della Camera di Commercio di Milano per dotarsi di software Web

La Camera di Commercio di Milano promuove un bando, dedicato alle piccole e medie imprese milanesi, per incentivare gli investimenti nel settore delle tecnologie digitali.

Il fine è quello di  agevolare l’implementazione di prodotti e servizi informatici innovativi, basati sull’utilizzo di Internet e che rispondano ai reali bisogni delle aziende e ne aumentino l’efficienza e la produttività.

Le richieste di contributo possono essere presentate dal 28 giugno al 28 luglio 2011

Link al bando.

Vi segnaliamo questa iniziativa perchè può permettere a molte realtà di coprire buona parte delle spese di start up per un nuovo gestionale.  L’occasione sembra molto propizia visto che il bando non si limita a finanziare la sola spesa per le licenza software ma copre tutte le eventuali spese accessori, come quelle legate alla connettività e formazione.

 

Naturalmente permetteteci di ricordavi il nostro gestionale InTempo

InTempo, è un gestionale per realtà che lavorano a progetto, spesso non profit, ma non solo.

InTempo si presta per essere impiegato su più fronti:

  • gestione della scheda ore del personale  (via web)
  • gestione dei progetti finanziati e interni
  • gestione housing sociale

 

No Profit – on line – Report 2011

Il “Non Profit Report 2011” è una ricerca recente che indaga lo status quo e le nuove possibilità di relazione comunicativa fra il settore delle organizzazioni no profit e il mondo degli utenti/sostenitori attivi.

Interessante è rilevare l’importanza del ruolo della comunicazione online come strumento informativo e canale di fidelizzazione del rapporto fra agenzia e utente: ruolo primario ma non privo di incertezze e difficoltà e per questo suscettibile di nuove soluzioni strategiche.

L’indagine è stata eseguita su un campione di quasi ventimila questionari completati e 38 organizzazioni no profit coinvolte (di diverse dimensioni e appartenenti a 9 ambiti di intervento differenti).

1- Emerge innanzitutto una buona familiarità delle persone intervistate con Internet: il 62%  ne fa un uso quotidiano per molteplici interessi – informazione, comunicazione, altro- e il 71% afferma di acquistare online.

2- La percentuale più alta di utenti interessati al sociale (il 67%) è compresa fra i 40-50 anni: le organizzazioni no profit sono dunque sfidate a coinvolgere le fasce di sostenitori più giovani.

In questa direzione il potenziamento della comunicazione online, con la quale i giovani hanno maggiore dimestichezza, risulta una carta vincente.

Come ti informi di solito sulle attività delle Onlus?3- La fonte primaria di raccolta di informazioni inerenti alle agenzie no profit è il web: il 54% degli utenti fa riferimento al sito ufficiale, il 40% utilizza soprattutto la newsletter.

I sistemi informativi offline occupano il terzo posto (il 31% riceve informazioni attraverso posta cartacea).

Di particolare interesse è il meccanismo del passaparola che diventa fonte di informazione per il 15% dei sostenitori: fenomeno che può essere incrementato in modo esponenziale online, attraverso le funzionalità di condivisione dei social network oppure di segnalazione ad amici, inseribile nella newsletter.

Infine, si segnala come il 58% degli utenti rinuncerebbe all’ausilio dell’informazione offline (cartacea) in favore dell’esclusiva informazione web.

4- Siti istituzionali e newsletter:

– il 62% degli intervistati gradirebbe avere sul sito dell’Onlus sostenuta “un’area riservata” per seguire più dettagliatamente l’evoluzione dei progetti: dato traducibile con l’esigenza di costruire un rapporto più personalizzato fra utente/organizzazione

[Puntoit per soddisfare questa esigenza ha sviluppato il gestionale Intempo dedicato al No Profit]

la maggior parte degli utenti (57%) legge regolarmente la newsletter delle agenzie no profit con la quali ha contatti.

L’11% invece non legge la newsletter perché oggetto e titolo risultano non accattivanti: indicazione preziosa che suggerisce di investire maggiormente nella strategia di produzione testuale web.

In quest’ottica, la ricerca rileva la preferenza degli utenti per newsletter più snelle, più semplici e contenenti un numero maggiore di storie concrete.

Molti gradirebbero inoltre un incremento di comunicazione visiva (più foto e più video).

Il 36% degli intervistati infine, si è iscritto in una mailing list per ricevere la newsletter a seguito di una donazione: la raccolta dell’indirizzo di posta elettronica e l’invito a iscriversi alla newsletter risulta fondamentale per coltivare i propri contatti, sia che la donazione avvenga online oppure offline.

5- Azione dell’utente: la donazione

– interessante è evidenziare come fra coloro che non donano (in assoluto o non regolarmente), una percentuale del 21% dichiari di non aver mai avuto occasione di farlo: dato importante per le agenzie no profit che denota una parziale incapacità di comunicare efficacemente ai propri contatti la possibilità di compiere un’azione.

il 39% delle donazioni risulta avvenire (interamente o parzialmente) online: da questa informazione, la necessità di potenziare la possibilità di donare sistematicamente tramite il web.

Questa ricerca fornisce molti stimoli e interrogativi sulle potenzialità comunicative online a disposizione delle organizzazioni no profit: le conclusioni tratte dal campione utilizzato spingono verso un’implementazione delle risorse informative (la proposta regolare di iscriversi alla newsletter, una strategia di web-writing più mirata, un maggiore coinvolgimento dell’utente tramite aree riservate del sito e tramite i meccanismi di condivisione “social”) ed uno sviluppo delle possibilità del sostenitore di compiere azioni online.

Il consolidamento del canale web risulta essere uno strumento privilegiato per costruire un rapporto solido, duraturo e maggiormente “one-to-one” fra la realtà del no profit e la pluralità dei suoi sostenitori.

 

Questo abstract è liberamente tratto dalla ricerca “Non Profit Report 2011” realizzata da ContactLab in collaborazione con Vita Consulting. Per un maggiore approfondimento dell’argomento, vi rimandiamo al link.

 

 

 

Housing sociale: il gestionale Puntoit

Cos’è l’housing sociale? Il primo punto è questo. Non esiste una definizione puntuale del termine. Oggi possiamo dire che per housing sociale si possono intendere, ampiamente, quelle attività o iniziative tese a fornire soluzioni abitative di breve, medio e lungo periodo a soggetti svantaggiati.

Autore della foto: Maantas

Nella sostanza le azioni prendono forme anche molto diverse. Si trovano operatori che interpretano l’housing sociale promuovendo la costruzione e l’accesso a immobili a prezzi e con modalità non governate dal mercato. Altri che si orientano principalmente all’erogazione dei servizi alla persona: un accompagnamento socio-educativo per gli utenti che entrano nei programmi di housing sociale provenendo da carceri, comunità o strada. In questo caso la mera gestione immobiliare passa in secondo piano, pur rimanendo ovviamente presente.

Ci sono numerosi riferimenti nel web sull’argomento. Di seguito una breve selezione:

Per la gestione delle attività connesse all’housing sociale Puntoit ha sviluppato un’estensione del gestionale InTempo. Il modulo Housing è pensato sia per chi si orienta ai servizi alla persona, avendo un’ampia sezione dedicata all’anagrafica degli ospiti e alle attività ad essi connesse, sia per chi gestisce gli immobili, con adempimenti e scadenze. Ecco un elenco delle sue funzioni principali:

  • Anagrafica degli appartamenti o delle strutture, a loro volta divisi in stanze con posti letto, promisque o mono genere.
  • Anagrafica degli ospiti con dati storici quali prese in carico, lavoro, status giudiziario e informazioni su disagio, famiglia, abusi, scolarità, ecc.. Il sistema puo registrare le attività condotte dagli educatori con e per gli ospiti.
  • Prenotazioni e contratti di accoglienza che associano gli ospiti alle stanze degli appartamenti, con controlli di sovrapposizione e overbooking.
  • Generazione automatica dei contributi che gli ospiti versano alla cooperativa e gestione dei pagamenti, parziali, totali, con segnalazione degli arretrati.
  • Adempimenti sugli appartamenti per manutenzione, gestione degli aspetti fiscali e contrattuali con scadenze assegnabili agli operatori responsabili, scadenziario e avvisi automatici.
  • Gestione documentale per gli ospiti e per gli appartamenti.

Puntoit da anni sviluppa sistemi software su commessa e prodotti creati con una visione fondante: il software deve aiutare, velocizzare e migliorare il lavoro di chi lo utilizza. Ecco perché progettiamo i nostri sistemi con grande attenzione alla facilità d’uso, alla chiarezza di esposizione delle informazioni e alla personalizzazione, che consente di adattare i sistemi alle esigenze reali e specifiche di chi li utilizzerà.

Se desideri conoscere le nostre soluzioni per l’housing sociale e per la gestione del mondo non profit puoi contattarci al numero 02/27.08.07.80 e chiedere di Marco, oppure scriverci a info@puntoitservizi.it.