Iscrizione a Google plus è pubblica, facciamo punto.

E’ ormai sulla bocca di tutti: il social network di Google, Google +, è disponibile al grande pubblico: un lancio che ha preceduto l’F8 (Facebook Developer Conference) e le novità annunciate da Mark Zuckerberg.

Quali innovazioni in merito a Google+?

Soltanto pochi giorni fa, era necessario ricevere un invito mail per iscriversi al social Google +: oggi, tutti coloro che possiedono un account Google (ad esempio Gmail) possono attivare il proprio profilo cliccando il pulsante +TU, presente in alto a sinistra nella home page di Google,  inaugurato nei giorni scorsi dall’evidenza di una grande freccia azzurra.

Ecco alcuni rilasci già effettuati da Google in fase beta e alcuni in field trial, pronti per essere annunciati a breve.

 

Molte novità riguardano la funzione Hangouts o videoritrovi: le videochat dal vivo infatti, saranno disponibili sui telefoni cellulari, strumento privilegiato da coloro che partecipano ai social networks.

I videoritrovi supportano già i dispositivi Androids 2.3 e superiori, con foto e videocamere, e fra poco anche mobiles iPhone e altri.

 

I videoritrovi includono già la chat di gruppo e la fruizione di video provenienti da Youtube: a queste funzioni si aggiungeranno  novità quali:

condividere schermate con i contenuti desiderati (dalle foto personali al record ottenuto in un videogioco e in generale tutto ciò che può essere visualizzato in una schermata);

scrivere e pianificare insieme ad altri con l’utilizzo di Google Docs;

Sketchpad per schizzi e disegni personalizzati

videoritrovi con nome, per discutere pubblicamente e dal vivo con gli altri

– i  videoritrovi “in diretta” forniranno agli utenti la possibilità di registrare e trasmettere proprie sessioni: una volta in onda, altre nove persone possono partecipare attivamente alla trasmissione mentre tutti possono fungere da spettatori.

Un release dai risvolti economici potenzialmente straordinari per determinate categorie di business: gli spettacoli live, la formazione video, le trasmissioni radio di chat in diretta con invitati.

I videoritrovi rappresentano inoltre una scommessa in grado di favorire un salto di Google+  in gara con Twitter e LinkedIn.

 

Un’altra novità importante di Google+ è l’inaugurazione della funzione di ricerca: è sufficiente digitare i termini della propria ricerca perché Google+ restituisca i post e i profili più pertinenti, unitamente ai contenuti più popolari sul web.

A proposito di quest’ultima affermazione “contenuti più popolari sul web” alcuni giornalisti si chiedono se “più popolare” possa corrispondere di fatto ai contenuti più twittati, più “Like” di Facebook e cliccati come “+1” di Google… una domanda interessante, che favorisce una seconda riflessione: la ricerca Google+ potrà nel tempo sostituire effettivamente il motore di ricerca Google attuale, o comunque diventare lo strumento privilegiato di ricerca da parte coloro che fanno parte del mondo social? Un appunto da verificare nel tempo.

 

Nello specifico della funzione ricerca Google+, è possibile scegliere di visualizzare tali contenuti secondo una classifica dei “migliori risultati”. I contenuti pertinenti a coloro che fanno parte della propria cerchia, risulteranno ai vertici di tale classifica. Il principio +1 risulta perciò sempre prioritario.

E’ possibile inoltre ricercare i post secondo il criterio di maggiore attualità: la ricerca in tempo reale è una funzione prevista per il prossimo futuro.

Infine, la ricerca Google+ consente di registrare le ricerche importanti effettuate (mediante un apposito pulsante posto in alto a destra): tutti i link appartenenti alla lista possono naturalmente essere cliccati con +1.

 

I contenuti esaminati sono una parte delle nuove funzioni Google+: molte sono le novità e gli ampliamenti ancora in programma nel mondo social su cui Google dimostra di voler investire in modo sempre più massiccio e concorrenziale. Intanto dall’F8 di Facebook, arriva la risposta di Zuckerberg.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *