I Social Network + Google

Sempre più esplicite le intenzioni di Google: affiancare il mondo del “social network” attraverso nuove funzioni del motore di ricerca.

L’introduzione della funzione Real Time Search (ricerca in tempo reale),  ha già segnato da tempo l’ingresso dei social network nella ricerca di Google: i contenuti pos

tati dagli utenti delle reti sociali, legati ai termini chiave della propria ricerca, appaiono come threads principali e vengono aggiornati in tempo reale.

Oggi, Google si spinge più avanti: nella versione americana di Google (Google.com) è possibile infatti ottenere fra i risultati di ricerca non soltanto i contenuti che gli utenti postano direttamente, ma anche quelli condivisi dai propri contatti sociali. Più precisamente, il risultato della ricerca viene restituito con una nota in calce che ne attesta la condivisione da parte di uno o più utenti della propria rete di contatti.

L’ultima innovazione di Google in ambito “social”, infine, è il pulsante “+1” (Plus One).  L’espressione web “+ 1”  trae origine dal linguaggio utilizzato nei post di forum e blog, ed è  utilizzata per aderire e a idee e contenuti altrui.

nuova funzione Google + 1Attualmente operativo solo nella versione “Google.com”, il pulsante +1 permette di mostrare a coloro che fanno parte della propria rete di contatti, l’ apprezzamento per un sito o un determinato contenuto web.

+1 è simile alla funzione “like” di Facebook, ma ha un carattere più ampio, poiché include i risultati nelle ricerche di Google, superando i confini del social network.

Secondo gli intenti di Google, i vantaggi di questo servizio di condivisione e promozione potrebbero essere molteplici per gli utenti: permette di monitorare le valutazioni positive delle proprie pagine; ricavare in modo diretto suggerimenti; ottenere un passaparola sui contenuti pubblicitari in grado di influire direttamente sugli annunci di Google. E’ naturale infatti la propensione a cliccare un annuncio consigliato dalla propria rete di contatti, conosciuta e fidata, a sfavore di un altro.

Ai benefici  per l’utente corrispondono ovviamente vantaggi per Google: grazie al pulsante +1 scelte e propensioni dei navigatori diventano più esplicite.

Per accedere al servizio +1 occorre avere un profilo Google pubblico visibile a tutti: una volta attivato il proprio account e aderito all’esperimento (questo è il link), è sufficiente utilizzare il motore Google (per ora solo la versione americana, .com), perché il pulsante +1 appaia accanto ai risultati di ricerca e agli annunci pubblicitari.

Nella scheda +1 del proprio profilo, è possibile visualizzare l’elenco dei soggetti a cui si é accordato il  +1 ed eventualmente rimuovere le singole voci.

La visualizzazione dei commenti “+1” è disattivabile su siti e annunci di terze parti conosciute, qualora l’utente intenda navigare liberamente.

La nostra prova:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *